Rongrin

È il formicolio alle braccia una recidiva da sclerosi multipla?

Domanda

Sono 24 settimane di gravidanza.

Per due settimane ho sperimentato il braccio destro e la debolezza delle gambe e 'intorpidimento e formicolio' insieme con diritto disturbi dell'occhio e vertigini.

Sono molto stanco. Sto vivendo una ricaduta della mia sclerosi multipla?

Sono stato portato a credere che la soppressione del sistema immunitario durante la gravidanza avrebbe protetto contro una ricaduta.

Il mio bambino essere danneggiato? Devo smettere il mio lavoro come segretaria?

Rispondere

Se questo risulta essere una ricaduta nel tuo sclerosi multipla (SM), certi che non avrà alcun effetto sul vostro bambino.

Sembra possibile che si verifica una ricaduta nella SM, ma l'unico modo per ottenere una diagnosi deve essere esaminato dal medico.

Anche allora potrebbe non essere chiaro.

Alcuni dei sintomi che descrivi potrebbe essere il risultato di altre cose e non si può assumere che è tutta una questione di SM.

La sindrome del tunnel carpale può causare dolore e rigidità delle mani ed è davvero un problema abbastanza comune (e temporaneo) durante la gravidanza.

Hai ragione nel dire che la SM ha dimostrato di essere più stabili nella seconda metà della gravidanza.

Anche se la possibilità di recidiva diminuisce durante la gravidanza, non scompare del tutto e così in realtà non ci aiuta ad interpretare nuovi sintomi che si presentano in un individuo.

Dovreste smettere di lavorare? Questo in realtà dipende dalle circostanze e se si pensa che sarà beneficiare il modo ti senti.

Il vantaggio di riposo deve essere pesato contro la perdita di alcuni degli aspetti positivi del lavoro.

È inoltre necessario tenere presente che le assenze per malattia in questa fase della gravidanza potrebbe avere un impatto sulla vostra maternità diritto alle ferie. Io suggerirei il corso meno stressante di azione.

Se il tuo neurologo non è disponibile, vedere se c'è un infermiere specializzato nella sua / il suo dipartimento che possono offrire consigli.

Se non hai provato già, chiedere di vedere il vostro medico di famiglia o il 'dottore lavoro' a parlarne.